Scopri le origini della Danza Orientale, la Danza del Ventre


Il Nome

Il termine "danza del ventre", in inglese "Belly Dance", non e' quello originale arabo, bensì e' la denominazione data dai viaggiatori occidentali che si recavano per la prima volta nei paesi mediorientali, e che rimasero affascinati dai movimenti ondulatori tipici delle danze tradizionali arabe. I nomi che vengono usati per designare questo tipo di danza sono svariati. I francesi, che secondo alcune fonti, furono i primi a "scoprire" questa danza, coniarono il termine "danse du ventre"; i greci chiamano la danza del ventre "cifte telli", anche nome dell'omonimo ritmo turco. Poiche' il termine arabo per designare questa danza e' "raqs sharqi", in questo sito utilizzeremo piu' frequentemente il termine "danza orientale", che e' quello universalmente accettato come il piu' corretto.

Le Origini

Nonostante la danza orientale sia stata scoperta solo tra il '700 e l' '800, ha origini antichissime che risalgono fin dalla costituzione delle prime civilta' del mondo mediorientale. Infatti i movimenti rotatori e sinuosi della danza orientale riprendono gli antichi significati della fertilita', legati al culto dell'antica dea madre. Gli uomini erano consapevoli che tutto cio' che muoveva la vita dell'universo e quindi dell'essere umano, era un soffio energetico legato alla riproduttivita', alla nascita, al ciclo delle stagioni, alla natura. Il tutto era collegato alla funzione riproduttiva della donna, e il culto relativo che ne nacque fu proprio quello della "dea madre", che venne rappresentata da ogni civilta' diversamente e con diversi nomi: Mylitta, Isis, Ashtoreth, Astarte, Ishtar, Aphrodite, Venus, Bhagvati, Parvati e Ceres.

La Dea della Luna

Nell'antica Babilonia era diffuso il culto della dea ISHTAR, la grande dea Madre, la dea della luna, le cui sacerdotesse praticavano il loro rito religioso attraverso delle danze sacre ondulatorie e sinuose, molto simili all'attuale danza orientale. La dea madre corrispondente per gli antichi egizi fu IASET. Iaset, come Ishtar, e' la dea della luna e si esprimeva in tutta la sua bellezza. La donna egiziana era il riflesso di questa dea misteriosa e affascinante e danzava in suo onore, durante i riti sacri, perche' Iaset esprimesse tutto il suo potere, per concederle la fecondita', la femminilita' e la bellezza.

La Danza per gli Antichi Egizi

Numerosi documenti figurativi riportano a noi la testimonianza di una costante presenza della danza nell'Antico Egitto. Le danzatrici sono raffigurate aggraziate e scattanti, vestite con indumenti succinti, coperte di gioielli e accompagnate da musicisti, ma anche raffigurate con movimenti acrobatici. Nell corte di Cheope si sviluppò la presenza di musicisti e danzatrici e nel Nuovo Regno anche i privati benestanti ospitarono nelle loro dimore musici e danzatrici. Ma la danza nell'Antico Egitto non perse mai il suo valore religioso spirituale. Infatti alcune raffigurazioni su ceramiche preistoriche egizie (Nagada I - 3800-3500 a.c. e Nagada II) e alcune statuette antropomorfe dello stesso periodo fanno pensare all'esistenza di danza pratiche a sfondo magico-rituale Inoltre nei "Testi delle Piramidi" (raccolta di testi religioso-funerari incisi sulle pareti sotterranee di alcune piramidi di Saqqara (V-VI Dinastia), si riferiscono alla danza come una forma di omaggio a Dei e morti Divinizzati. Nelle funzioni religiose praticate nei templi Egizi, danzatori e danzatrici erano spesso presenti e si integravano nel culto con i sacerdoti-cantori e nel Nuovo Regno con donne-musiciste.

La Danza Araba

Col tempo la danza ha perso la sua principale connotazione sacrale, diventando parte dell'ambiente culturale dei popoli che hanno avuto modo di esserle a contatto. La danza orientale, legata oggigiorno principalmente al mondo arabo, dal nordafrica al medioriente, e' praticata come un elemento soprattutto ricreativo, legato a momenti di feste e di giubilio. L'elemento piu' affascinante e' che nella cultura araba, a differenza dell'occidente, la danza tradizionale non ha mai smesso di esistere ed e' simbolo di grande orgoglio per le genti rallegrarsi con la musica e la danza del proprio paese.

La Professione di Danzatrice

Alcune fonti sostengono che durante il regno degli abbasidi (sec. X), incomincia a delinearsi la figura di danzatrice professionista. La nuova figura della danzatrice professionista, si ritrova espressamente negli harem egiziani del '700, esse venivano chiamate "almee". L'almea era un'artista istruita in possesso di tutte le arti, dalla danza, alla musica, alla poesia, ed era in contrapposizione con la sua corrispondente, la ghaziya, un'artista di strada, che professava principalmente l'attivita' della danza, in cambio di denaro, di citta' in citta'. Si puo' dire che dalla nomade ghazyia, prende forma la figura della danzatrice orientale, così come la conosciamo ancor oggi.

La Danza nei Cabaret

Nei primi del '900, con la massiccia colonizzazione europea si ha un cambiamento radicale nella vita sociale degli egiziani e il Cairo comincia ad assumere l'aspetto di una grande metropoli. Prima del 1930 esistevano danzatrici professioniste che si esibivano in case private o nei cafe', ma l'apertura del primo nightclub al Cairo, fondato da Badia Mansabny una ballerina libanese che viveva in Egitto, segno' la svolta radicale per il raqs sharqi. Il nightclub di Badia ospito' le due piu' grandi danzatrici della storia dell'Egitto, Tahia Carioca e Samia Gamal. Nacquero i primi cabaret, realizzati con stampo tipicamente occidentale, e all'interno dello spettacolo prende piede lo spettacolo della danzatrice orientale professionista, solista. La danza orientale, per la prima volta viene lanciata con un carattere europeo, solca i gradini dello show hollywoodiano, e muta totalmente significato e modo di esprimersi. La rakkasa comincia a studiare coreografie, nuove tecniche di spettacolo, unisce canto, danza e recitazione e diventa una star. Artisti e e istruttori europei accorrono per formare le nuove artiste e gettano le basi della danza orientale moderna. La danzatrice orientale diventa così una tradizione in Egitto, divulgatasi poi in tutto il mondo arabo, attraverso la folta produzione musicale e di film che vedevano attrici protagoniste proprio quelle danzatrici che fino a poco tempo prima si potevano vedere ballare sui palchi dei cabaret egiziani. La danzatrici quindi recitavano e insieme ballavano in musical, in commedie, film drammatici distribuiti nelle sale cinematografiche di tutti i paesi arabi. Ancora oggi gli egiziani sono soliti chiamare delle danzatrici del ventre per esibirsi nei matrimoni, per augurare felicita' e prosperita' agli sposi. E' usanza che gli sposi si facciano una fotografia con le loro mani poste sul grembo della ballerina in simbolo si fecondita', per una numerosa prole!

La Danza Oggi

La Danza orientale e' oggi oggetto di studi approfonditi da parte di maestri e professionisti, e' una delle discipline piu' diffuse tra le donne di tutto il mondo e soprattutto in occidente lo spettacolo di danza orientale e' giunto a livelli molto alti. Tuttavia, questioni politico-religiose hanno fatto si che essa venga messa in secondo piano dai regimi dei paesi arabi e a volte che venga perseguitata.

#StoriaDanzaOrientale

0 visualizzazioni
Eventi in programma
Talysma Festival
Fri, Sep 18
Grand Hotel Dei Cesari
Sep 18, 2:00 PM – Sep 20, 11:00 PM
Grand Hotel Dei Cesari, Via Mantova, 3, 00042 Anzio RM, Italia
Maryem Superstar della prima edizione del Festival Talysma ad Anzio!
Condividi